Info line 081 1808 6357

Pensioni, la campagna social che chiede il “riscatto gratis” della laurea

Pensioni, la campagna social che chiede il “riscatto gratis” della laurea

Riscatto gratis degli anni della laurea per tutti. Chi, fra i 6 milioni di laureati italiani, non ha mai sognato di poter cogliere questa opportunità, negata ai più per i suoi costi proibitivi? Un sogno che potrebbe diventare realtà, come fa sperare la battaglia del coordinamento #Riscattalaurea, nato tra Roma e Napoli in maniera spontanea fra gli studenti e che sta riscuotendo un successo crescente anche in Rete. Sono migliaia, infatti, i followers sulla pagina Facebook creata ad hoc che stanno partecipando alla campagna social, postando la propria foto con il cartello #riscattalaurea.

Pensioni, la campagna social che chiede il "riscatto gratis" della laurea

I responsabili del coordinamento Luigi Napolitano e Rosario Pugliese sono riusciti a portare la loro proposta fin dentro al ministero dell’Istruzione, incontrando Marco Mancini, capo dipartimento per la formazione superiore e la ricerca e Andrea Giorgio, responsabile della progettazione politiche pubbliche della segreteria particolare della ministra Fedeli.

Pensioni, la campagna social che chiede il "riscatto gratis" della laurea

L’obiettivo è ottenere il riscatto gratuito degli anni del corso di studi per tutti i laureati italiani: “Abbiamo illustrato i motivi della nostra battaglia – spiegano Napolitano e Pugliese –  ottenendo un interesse quasi inaspettato e una condivisione che si è poi trasformata in un impegno a convocare un tavolo tecnico entro la prima settimana di agosto, quindi prima della pausa estiva”. Una riunione operativa per studiare come concretamente attuare la misura. Vanno valutati infatti i vari casi, compresi quelli di chi sta già pagando il riscatto a rate.

Nel corso della giornata di oggi, però, dal Miur arriva una precisazione: viene confermata la disponibilità all’ascolto e ad approfondire le proposte avanzate. Ma prima dell’estate non ci sarà nessun tavolo tecnico. Tavolo che il ministero dell’Istruzione non potrebbe nemmeno attivare da solo, visto che la materia pensionistica non è di sua competenza diretta.

Per i responsabili del coordinamento “da mesi ormai si sta parlando della possibilità di riscatto degli anni della laurea ai fini pensionistici, negli ultimi tempi si è arrivati a ipotizzare che a beneficiarne siano solo gli iscritti dal 2018. Ma in questo modo resterebbero fuori tutti i laureati che hanno pagato le conseguenze della crisi economica e del cambiamento epocale del mercato del lavoro che abbiamo vissuto dal 1997″. Pertanto per  #Riscattalaurea “ogni altra ipotesi che escluda la totalità dei laureati ci vedrebbe fermamente contrari e pronti a portare in piazza la protesta”.